Alibegovic e Pinkins guidano Torino. Roma battuta in volata. (PAGELLE)

Quarta vittoria per Torino che mantiene la testa della classifica. Partita che vede l’Eurobasket quasi sempre avanti nel secondo tempo ma le qualità dei singoli della Reale Mutua fanno la differenza. Decisivi anche i 14 rimbalzi offensivi catturati dai ragazzi di coach Cavina, che affida la guida tecnica al primo assistente Iacozza, al fine di migliorare l’aspetto difensivo.

LA PARTITA
Nel primo quarto la gara fatica a prendere ritmo con lo 0-2 firmato Taylor che arriva dopo 2 minuti di gioco. Roma prova a scappare, spinta da Miles e Fattori. Pinkins si accende e inizia a far la voce grossa vicino al ferro. Il 25 dell’Eurobasket risponde e porta i suoi sul +7 (11-18), costringendo Cavina al timeout. Al rientro in campo, due appoggi di capitan Alibegovic riavvicinano i gialloblu che lasciano però spazio alla tripla di Loschi che chiude la prima frazione sul 17-21.
Secondo periodo aperto dal semigancio di Campani. Torino alza la pressione difensiva e concede solo 2 punti agli ospiti in 5 minuti. Nell’altra metà campo, Pinkins continua a martellare e la Reale Mutua tocca il +8 (31-23) con l’appoggio di Cassar. Lo stesso numero 10 infiamma il palazzo con la schiacciata a due mani del 33-25. Taylor prende sulle spalle la squadre e, con una tripla, accorcia definitivamente il gap (39-38).
Nel secondo tempo parte forte Taylor: 3 punti e l’assist per l’appoggio di Miles portano Roma sul +4. Torino fatica a trovare lucidità in attacco e Viglianisi punisce con la bomba del 41-46: timeout Cavina. Al rientro in campo la musica non cambia: 41-51. A sbloccare il punteggio dei padroni di casa è Pinkins che dà fiducia all’ambiente: difesa forte, recupero e canestro in solitaria di Marks che porta al timeout di coach Maffezzoli. Torino riduce ancora lo scarto con Alibegovic, Fanti allunga e Pinkins appoggia il nuovo -4 (55-59). Sul 56-61 Traini spende il suo 4° personale e Cavina è costretto a richiamare Cappelletti, tenuto a riposo proprio per problemi di falli. Taylor e Miles salgono in cattedra, Fanti recupera e corre in contropiede e Roma scappa di nuovo. La tripla di Alibegovic a fil di sirena riavvicina Torino, permettendole di andare all’ultimo periodo sul -6 (59-65).
Apre la quarta frazione la tripla dall’angolo di Cappelletti. Marks accorcia ulteriormente e Torino arriva sul -2, prima di pareggiare con l’appoggio di Pinkins (66-66). Toscano porta avanti la Reale Mutua, Taylor ripareggia. Ancora il numero 17, in contropiede, fa +3 e i liberi di Cappelletti aumentano il vantaggio gialloblu. Difesa di ferro per la squadra di Cavina e canestro in contropiede di Alibegovic. Roma prova a rientrare ma l’errore dall’arco di Miles apre il campo ancora al capitano. Fanti recupera e segna il -4. Pinkins si alza dall’arco e non sbaglia: +5 Torino (85-80). Errore in attacco di Toscano e Cicchetti segna in contropiede, subendo anche il fallo del 17 gialloblu. Realizza dalla lunetta e fa -2. Lo stesso Cicchetti fallisce il canestro del pareggio dopo l’errore di Alibegovic e Torino porta a casa la quarta vittoria.

PROSSIMO APPUNTAMENTO
03.11.2019, ore 18.00
PalaBianchini, Latina (LT)
Latina – Torino

PAGELLE
Alibegovic (26): ancora qualche problema al tiro da 3 ma è solido in difesa e imprendibile da dentro. 8
Marks (7): non riesce ad entrare in partita e solo nell’ultimo quarto alza l’intensità difensiva. 5
Cappelletti (10): grande difesa e 2 recuperi fondamentali nel finale. Meglio dietro che in attacco. 6
Cassar (6): vuole conquistare la fiducia di Cavina e lo sta facendo nel modo giusto. Tiene in difesa e trova il canestro. 6,5
Campani (4): si vede pochissimo. Soffre la fisicità di Taylor e prova solo 3 tiri. 5
Ianuale: ne
Pinkins (26): non perfetto al tiro ma devastante a rimbalzo: cattura 14 palloni, di cui 8 in attacco. 8
Toscano (4): solita gara da leader silenzioso. 8 rimbalzi e +15 di plus-minus ma il pallone perso nel finale rischia di cambiare le sorti della gara. 6,5
Jakimovski: ne
Reggiani: ne
Traini (2): subisce le accelerazioni avversarie e fatica a trovare il canestro. 5

MVP: Mirza Alibegovic

Marco Piasentin

Reale Mutua versione playoff. Questa volta il derby è dei gialloblu. (Pagelle)

Terza sfida stagionale tra Torino e Derthona. Questa volta ad avere la meglio sono i gialloblu che si impongono con il punteggio di 69-80 sui leoni e continuano la propria corsa in testa al girone.

LA PARTITA
Super inizio per Torino che si porta sul 10-0 mandando a referto tutti i componenti del quintetto titolare. Dopo il timeout, coach Ramondino inserisce sul parquet Gaines che prova ridurre il gap, arrivando fino al -5. Campani, Toscano e Traini spingono nuovamente la Reale Mutua sul +10 e Cassar chiude il quarto sul 10-20.
Seconda frazione aperta dall’and-one di Cappelletti. Mascolo si accende e Pullazi lo segue: 7-0 Derthona e timeout Cavina. Campani e Formenti si scambiano triple, fanno lo stesso Marks e Tavernelli. Quest’ultimo subisce anche il 3° fallo personale di Pinkins e lo costringe a sedersi in panchina. Alibegovic e Marks ridanno 9 lunghezze di vantaggio ai gialloblu ma l’ultima parola è di Martini che infila il long two del definitivo 28-35.
Nel terzo quarto si alza il ritmo. Apre Alibegovic, risponde Grazulis. Poi si accende Pinkins: 16 punti nella frazione con 4 tiri a bersaglio dall’arco. Campani e Gaines si danno battaglia, Marks segna da 2 e la difesa di Torino costringe i leoni a forzare. Solo un’ultima sbavatura consente a Grazulis di appoggiare il canestro del -10 (51-61).
De Laurentiis apre l’ultima frazione ma Caccu Traini infila la tripla del +11. Fallo di Formenti su Pinkins che porta all’immediato timeout di Ramondino. Al rientro in campo, 2/2 per il lungo gialloblu e massimo vantaggio per gli ospiti, ritoccato dal tiro libero di Campani che garantisce il +15 a Torino (57-72). Gaines non ci sta e, con l’aiuto della tabella, porta a -12 Derthona. Pinkins segna 2 liberi ma il numero 12 bianconero appoggia e subisce fallo da Toscano per il -11. Ancora Gaines prova a spaventare Torino segnando 4 punti in fila e assistendo l’appoggio di Martini per il -7. Dall’altra parte Marks mette la parola fine sulla gara con la tripla+fallo del definitivo 69-80.

PROSSIMO APPUNTAMENTO
Mercoledì 30.10.2019, ore 20.30
Pala Gianni Asti, Torino
Torino-Roma

LE PAGELLE
Jakimovski: ne
Campani (13): doppia doppia e grande presenza vicino a canestro. Si rende pericoloso anche da oltre l’arco. 6,5
Traini (7): segna due triple e amministra l’attacco con grande tranquillità. 6
Toscano (5): fatica a trovare il canestro ma si concentra sulla difesa e l’aiuto ai lunghi. Gli 11 rimbalzi ne sono la controprova. 6,5
Cappelletti (5): fatica più del solito ma garantisce sempre tranquillità all’attacco. 6
Cassar (2): gioca 10 minuti, conquista un fallo e segna 2 liberi, consentendo a Pinkins di riposare. 6
Ianuale: ne
Alibegovic (7): rimane in campo quasi tutta la partita (37′), fatica da 3 e perde qualche pallone di troppo ma è sempre presente in difesa e a rimbalzo. 6
Pinkins (24): rischia di compromettere la prestazione a causa dei falli e gioca un primo tempo da 5. Nella seconda metà di gara si accende e ne diventa il protagonista assoluto, giocando da 10. Media: 7,5
Marks (17): non bene dall’arco (1/6), molto meglio da dentro e in difesa. La giocata finale è una perla. 7
Mortarino: ne

MVP: Kruize Pinkins

Marco Piasentin

Pacher stende Torino. Prima sconfitta per la Reale Mutua.

Partita dura al Pala Gianni Asti come da pronostico. Tanta tecnica, tanto atletismo e tanta fisicità. Alla fine ad avere la meglio è la Blu Basket Treviglio che, sulla sirena (in realtà oltre), segna con Pacher il canestro dell’84-86.

LA PARTITA
Apre la sfida il canestro del torinese (di nascita) Borra. Risponde la Reale Mutua con un 9-0 che vede come protagonista Campani. Pacher segna da 3 ma ancora il numero 12 risponde dall’arco. Sale in cattedra il classe 2000 Palumbo e Treviglio tocca addirittura il +5, costringendo al time out Cavina con 3.20 minuti da giocare. Al rientro in campo, per Torino si sbloccano Alibegovic e Marks che permettono ai gialloblu di chiudere sul -3 la prima frazione (20-23).
Secondo periodo aperto da Pacher. Per Torino segna in penetrazione Cappelletti ma D’Almeida e Reati portano sul +9 la Blu Basket (22-31). Assist di Traini per la schiacciata di Campani e bomba dell’ex Avellino che riporta a -4 i suoi. Reati segna da fuori ma Toscano risponde in penetrazione. Torino continua a spingere e Marks impatta sul 38-38. Sale anche l’intensità difensiva dei padroni di casa ma Carioti inventa una tripla per battere la sirena dei 24”. Ultima azione della prima metà di gara affidata a Cappelletti che vince il mismatch con D’Almeida e appoggia il -2 (42-44).
Secondo tempo aperto ancora da Borra a cui risponde il solito Campani. Palumbo mantiene alto il livello della performance personale e, con due triple, porta sul +5 Treviglio. Alibegovic e Pinkins pareggiano la gara ma Borra riporta i suoi avanti. Una magia di Alibegovic sulla sirena permette a Torino di andare all’ultimo intervallo sul +1 (66-65).
Ultima frazione segnata dal nervosismo: antisportivo fischiato ad Alibegovic sul 72-69 Torino. Due liberi a bersaglio per Palumbo a cui segue il dubbio fallo da 3 di Pinkins su Reati. Proteste della panchina gialloblu che portano ad un fallo tecnico ai danni di Cavina: 4/4 per il numero 8 di Treviglio. Torino si innervosisce e scivola sul -7 (76-83) con i canestri di Borra e Reati. Toscano segna da 3, Cappelletti fa 3/4 negli ultimi due giri in lunetta e i liberi di Alibegovic portano Torino sull’84-84. Errore di Treviglio. Possesso Marks, sbaglia Toscano in entrata e Campani, spinto a rimbalzo, perde il pallone. 1.1 secondi e rimessa in attacco per Treviglio in seguito al timeout. Riceve Pacher che, dopo aver abbassato la palla la riporta verso il ferro e appoggia il canestro decisivo. Movimento che, indubbiamente, richiede più tempo di quanto ne avesse a disposizione la squadra lombarda. Gli arbitri convalidano: 84-86.

PROSSIMO APPUNTAMENTO
Domenica 27.10.2019, ore 18.00
PalaOltrepo, Voghera (PV)
Derthona – Torino

PAGELLE
Jakimovski: sv
Campani (21): non fa pesare l’assenza di Diop. Giganteggia vicino a canestro, segna da 3 e cattura 9 rimbalzi Una tripla finta nel pitturato fa impazzire Borra e il Pala Ruffini. 7,5
Traini (3): non riesce ad incidere. Fatica ad impostare e prende due stopponi. 5
Toscano (10): solido fisicamente e mentalmente. Lotta in difesa contro i lunghi e segna da 3. 6,5
Kassar: ne
Ianuale: ne
Pinkins (7): avrebbe dovuto aiutare maggiormente Campani, invece non entra per niente in partita. Commette 5 falli e lascia anzitempo il campo. 4,5
Castellino: ne
Reggiani: ne
Cappelletti (15): altra gara completa. Gestisce bene la situazione falli e riesce a mantenere la calma nei momenti decisivi. Non lo ferma neanche un piccolo crampo. 7
Alibegovic (14): altra grande prestazione difensiva, da leader. Serve 6 assist e segna i 2 tiri liberi che impattano la gara prima del buzzer beater di Pacher. 6,5
Marks (14): sbaglia un solo tiro da dentro l’area. Gioca bene in difesa ma non riesce a fare la differenza con le sue invenzioni. 6
MVP: Luca Campani

Marco Piasentin

Nonostante un secondo tempo thrilling, Torino fa 2 su 2. Espugnato il Pala Fantozzi. (Le pagelle)

Torino vince a Capo D’Orlando e dà continuità alla vittoria con Biella, complice anche all’assenza di Kinsey. Nel finale, il talento della formazione di Cavina fa la differenza e permette alla Reale Mutua di portare a casa i 2 punti, messi in pericolo da un pessimo secondo tempo.

LA PARTITA

Apre le danze Cappelletti con una bomba, gli fanno eco Alibegovic e Marks. Per Capo D’Orlando segna solo Johnson e dopo 2 minuti Torino guida sul punteggio di 4-11. Bellan, in dubbio fino alla palla a due, segna 4 punti in fila ma Cappelletti e Pinkins rispediscono indietro i biancoblu. Johnson commette fallo antisportivo sul numero 15 di Torino che segna entrambi i liberi. Fa lo stesso Marks e Campani appoggia al vetro il +12 (10-22). Si chiude così il primo quarto anche grazie alla stoppata di Cassar sull’ultima offensiva casalinga.

Johnson prova a dare una scossa ai suoi segnando 6 punti di fila ma Campani continua a trovare il canestro da vicino. Cappelletti segna dall’arco, i liberi di Alibegovic e Diop fanno +14. Cavina imposta la zone press, Risultato: 2 recuperi di Traini e +18 Torino. Alibegovic fa cifra tonda con l’appoggio del 22-42 e Querci prova ad accorciare con la tripla che chiude il primo tempo sul 25-42.

Nella seconda metà di gara, Capo D’Orlando inizia forte con Johnson e Mobio sugli scudi, portandosi sul -10. Pinkins sblocca i suoi con un tiro libero, Alibegovic infila la tripla e Traini segna in penetrazione. Bellan appoggia al vetro ma Marks, da 3, riporta Torino sul +13 (38-51). L’appoggio con fallo di Diop, che segue quello di Mobio, chiude il terzo periodo sul 43-56.

Nella quarta frazione, Torino rischia di buttare via tutto. Una serie di triple siciliane, portano la squadra di Sodini a -3. Timeout Cavina. Al rientro in campo, Alibegovic appoggia al tabellone per il 57-62 ma la Reale Mutua continua ad essere in difficoltà. Regala rimbalzi offensivi e tiri aperti. Proprio su un extra possesso arriva la bomba di Laganà che fa esplodere il Pala Fantozzi. Marks dà ossigeno ai suoi con 5 punti in fila ma Querci e Johnson continuano a macinare punti. Cappelletti non trema dalla lunetta e fa +8 (64-72) con 31 secondi sul cronometro. Il tiro di Neri non trova il fondo della retina e un nervoso Bellan, commette un duro fallo sul playmaker di Torino, giudicato antisportivo dagli arbitri. A terra per più di 15”, Cappelletti, è costretto dal regolamento a lasciare il campo. Subentra Traini che chiude la gara con il 2/2 dalla lunetta: 64-74.

PROSSIMO APPUNTAMENTO

Lunedì 21.10.2019, ore 20.30

Pala Gianni Asti, Torino

Torino-Treviglio

PAGELLE

Jakimovski: ne

Campani (6): gioca bene in attacco ma soffre in difesa. 5,5

Traini (10): bene in attacco e in difesa. Lotta a rimbalzo e ha il merito di segnare gli ultimi due tiri liberi. 6,5

Toscano: subisce un fallo in attacco poi esce dalla partita. 5

Cappelletti (15): partita completa. Subisce 7 falli e recupera 4 palloni. Difende forte e non perde mai la calma. 7

Diop (4): fatica tanto sotto il ferro. 4 rimbalzi sono pochi e non riesce a sfruttare la sua fisicità. 5

Cassar: sv

Alibegovic (15): 5 falli subiti, 8 rimbalzi e tanta difesa. Partita da leader, nonostante il solito problema al tiro da tre. 6,5

Pinkins (6): cattura 6 rimbalzi e subisce 7 falli ma fa anche lui fatica vicino al ferro. Poco cercato. 5,5

Marks (15): nei momenti di difficoltà Torino si affida a lui. Non gioca la sua miglior partita ma è freddo nei momenti decisivi. 6,5

Reggiani: ne

MVP: Alessandro Cappelletti

Buona la prima per Torino. Biella (ri)battuta. (PAGELLE)

Non stecca all’esordio in campionato la Reale Mutua Basket Torino e conquista i primi 2 punti della stagione. Niente rivincita quindi per l’ex più atteso, coach Galbiati, accolto da una standing ovation come in occasione della gara di Supercoppa. Inoltre, prima della palla a due, è stato osservato un minuto di applausi per la piccola Sveva, cestista scomparsa a soli 8 anni.

LA PARTITA
Apre Bortolani che dà il via ad un botta e risposta chiuso dall’errore di Pinkins. Biella tenta il primo allungo con la bomba di Donzelli sul 6-10. Accorcia Alibegovic ma Saccaggi costringe al timeout Cavina con 5 punti in fila. Proprio il capitano della Edilnol commette un fallo antisportivo su Traini dando il la alla rimonta di Torino. Pinkins impatta sul 18-18 e, dopo la tripla di Bortolani, Traini inventa il canestro del -1 che chiude la prima frazione (20-21).
Il secondo quarto comincia con l’appoggio di Bortolani. Toscano risponde con la tripla. Complice l’infortunio di Omogbo, la Reale Mutua sfrutta la fisicità di Diop che vince quasi ogni 1v1 vicino al ferro contro Donzelli, 5 improvvisato. Marks porta avanti Torino sul 39-38 e l’ex Cagliari fissa il punteggio sul 45-40 al 20′.
Nella terza frazione Torino tocca il +8 (48-40) e gestisce il vantaggio. L’antisportivo di Pollone manda in lunetta Traini che realizza entrambi i liberi. Omogbo torna sul parquet e, stringendo i denti, mette in difficoltà la squadra di Cavina, conquistando rimbalzi e macinando canestri. Sul -3, viene infilato da Campani e la bella giocata di Toscano premia Cappelletti che infila la tripla a fil di sirena: 65-57.
Nell’intervallo tra le due frazioni, gli arbitri fischiano un fallo tecnico a Galbiati permettendo a Marks di realizzare il libero del +9. Bortolani, classe 2000, prende in mano la squadra riportandola sul -2 (68-66). Campani segna due tiri importanti e dà ossigeno ai gialloblu. Traini, con fiducia, si alza dall’arco e realizza il +7 Reale Mutua (75-68). Omogbo risponde ma i due liberi di Marks danno due possessi pieni di vantaggio a Torino. Ingenuità di Biella che non riesce a rimettere il pallone in campo entro 5”, regalando palla ai padroni di casa. Sulla sirena, Alibegovic appoggia al tabellone per il +8 finale: 79-71.

PROSSIMO APPUNTAMENTO
Domenica 13.10.2019, ore 18.00
PalaFantozzi, Capo D’Orlando
Orlandina-Basket Torino

PAGELLE
Jakimovski: ne
Campani (6): come nella partita di Supercoppa, porta a scuola i giovani di Biella. I movimenti con cui si libera degli avversari sono da capogiro ma fatica un po’ a rimbalzo. 6
Traini (11): subisce due falli antisportivi. Gioca di intelligenza e difende alla grande. Sua la tripla che taglia le gambe a Biella. 6,5
Toscano (10): gioca una partita di grande sostanza. Segna due triple e ha il merito di non perdere la testa sulle provocazioni di Bortolani. Preferisce inchiodarlo al tabellone con una stoppata LeBroniana che fa esplodere il Ruffini. 7
Cappelletti (8): difende bene ma tira male. Lotta a rimbalzo e trova sempre il passaggio giusto. 6
Diop (12): viene limitato dai falli e si innervosisce in seguito a qualche fischio dubbio. Quando Omogbo esce, capisce di essere il fulcro dell’attacco e gioca alla grande vicino al ferro. 6,5
Cassar: ne
Ianuale: ne
Alibegovic (11): litiga di nuovo con il canestro da lontano. Gli manda un messaggio con una schiacciata potente. Solita grande prestazione difensiva anche e soprattutto sui cambi. 6
Pinkins (7): non va in doppia cifra ed è una notizia. Gioca sottotono ed è una notiziona. Cattura 7 rimbalzi ma per il resto poca roba, un po’ spento rispetto alle ultime uscite. 5,5
Marks (14): anche lui non nella sua versione migliore. Sa quando tirare e quando passare la palla. Fatica in alcune situazioni, soprattutto difensive ma ancora una volta mette la parola fine sulla gara. 6,5

MVP: Daniele Toscano

Marco Piasentin

Presentata la divisa ufficiale di Basket Torino. Cavina e Alibegovic tornano sulla Supercoppa: “Fa male ma abbiamo imparato la lezione”.

A pochi giorni dal via del campionato, Basket Torino presenta ufficialmente alla stampa e agli appassionati le divise da gioco per la nuova stagione sportiva 2019-20. Le canotte, già indossate dai giocatori durante il precampionato, sono fornite da Eye Sport, sponsor tecnico di numerose squadre di basket e calcio, tra cui la Dinamo Sassari. Per la conferenza stampa, Basket Torino ha scelto come cornice la famosa gelateria Pepino di piazza Carignano, locale storico della città nonché nuovo partner della società gialloblu.

Per celebrare questa collaborazione, è stata introdotta sul mercato la “Sport Edition” del celebre gelato pinguino, che riporta sulla confezione i colori sociali e lo stemma di Basket Torino.

Le prime parole sono quelle dell’AD Renato Nicolai, orgoglioso di presentare due marchi importanti che hanno creduto nel progetto: “Spero che le divise di Eye Sport possano diventare un simbolo di Torino, come lo è per la città Gelati Pepino, da oltre un secolo”.
Interviene successivamente il presidente di Gelati Pepino 1884 Edoardo Cavagnino, grande appassionato di basket: “È la prima volta che ci leghiamo ad un sport professionistico. La nostra sport edition e le altre attività che svilupperemo sono il nostro modo di far sentire vicinanza al nuovo progetto”.
Chiude Alessandro Ariu, CEO di Eye Sport, presentando le divise indossate da Alibegovic, Marks e Diop, modelli e testimonial per un giorno: “Abbiamo scelto tessuti d’eccellenza, facendo uso delle più recenti tecnologie per garantire ai giocatori una canotta che favorisca la traspirazione lungo tutta la gara.”

LE PAROLE DI CAVINA E ALIBEGOVIC
Al termine della conferenza stampa, i protagonisti hanno rilasciato dichiarazioni ai giornalisti presenti.
Vecchio Cuore Giallo Blu ha scelto coach Cavina (intervista realizzata in collaborazione con Fabio Milano) e Mirza Alibegovic.
“Domenica inizia finalmente il campionato anche se la Supercoppa ci ha già regalato partite ufficiali – esordisce il coach- Si comincia subito con un derby, trasmesso in diretta televisiva e al Ruffini, davanti al nostro pubblico. La sconfitta in Supercoppa ci darà la forza di reagire e iniziare ancora meglio in campionato”
“Quando arrivi in finale vuoi sempre vincere – rincara la dose capitan Alibegovic – ma questa sconfitta sarà una motivazione in più per cominciare al meglio e fare bene in allenamento. È stata una lezione che abbiamo imparato subito; avevamo la possibilità di chiuderla con tre possessi sul +7. Non siamo riusciti a difendere il vantaggio, ma sono cose che non succederanno a maggio. Ci piace giocare insieme e passarci la palla. Siamo sulla strada giusta”.
Dello stesso avviso Cavina che conclude “faremo ancora meglio di quanto fatto vedere in Supercoppa. Non posso fare pronostici ma sono certo che faremo bene. Siamo un gruppo solido che lavora tanto.”

Marco Piasentin

Torino cade nel finale. A Derthona il primo trofeo stagionale. (Pagelle)

Infranti solo nel finale i sogni dei tifosi gialloblu che pregustavano la vittoria della Supercoppa e la rivincita della gara di Tortona di 17 giorni fa. Niente da fare e tutto rimandato alla gara di campionato che si disputerà il 27.10. È infatti la Bertram Derthona ad aggiudicarsi il primo trofeo stagionale al termine di una gara combattuta fino all’ultima sirena.
Pronti, via e 5-0 per i bianconeri con i gialloblu che rispondono con 8 punti in fila. Partita dura, tanti (troppi) fischi e, a 6.53 minuti dalla fine del primo quarto, Gaines spende il suo secondo fallo personale. Entra l’ex PMS Mascolo a cui spetta la stessa sorte: 2 penalità in poco più di un minuto. Coach Ramondino lo lascia sul parquet e lui ripaga la fiducia infilando la tripla del momentaneo +2. L’8-0 personale di Formenti fa scappare la Bertram, riagganciata sul -4 dal layup di Diop. Sulla sirena Pullazi fissa il punteggio sul 23-29. Score altissimo nonostante i 15 falli sanzionati dagli arbitri.
Nel secondo periodo il metro di giudizio non cambia: Tortona è in bonus dopo 57” e l’MVP della semifinale Grazulis spende il suo quarto fallo, al quale segue un tecnico alla panchina, visibilmente indispettita. Serie di tiri liberi per Torino che segna solo dalla lunetta. Formenti brucia la retina dalla distanza ma Cappelletti e Pinkins impattano la gara sul 48-48 andando negli spogliatoi con 21 falli fischiati a favore.
Si accende Pullazi, per Torino segna solo Marks ma proprio una sua ingenuità mette in difficoltà la squadra di Cavina: frana addosso a Gaines che si porta a casa il canestro da 3, il libero supplementare e il 4° personale del numero 6. Pochi secondi e Alibegovic complica ancora di più la gara gialloblu: sfondamento e tecnico (fiscale) che corrispondono al 3° e 4° fallo. Diop trova due miracoli e Torino va sul +3. Mascolo risponde con 5 punti e Marks permette ai suoi di chiudere avanti la terza frazione: 69-67.
Proprio la guardia di Chicago apre il quarto periodo e garantisce il +7 a Torino. Gaines spinge via Traini chiudendo anticipatamente la gara. Martini riporta sotto i suoi ma anche Grazulis lascia la partita a causa del quinto fallo commesso. Dopo il canestro di Marks, Mascolo inventa 2 punti. Torino perde palla e Formenti punisce con la tripla del sorpasso. Pinkins butta via il possesso con un passaggio impossibile e De Laurentiis ringrazia andando a schiacciare il +3. Pullazi è preciso dalla lunetta, Pinkins no: 81-84. Tortona vince ma Torino dimostra di essere all’altezza.

PAGELLE
Jakimovski: ne
Campani (3): cattura 9 rimbalzi ed è uno dei migliori sotto canestro. Non riesce però ancora ad incidere dal punto di vista realizzativo. 6
Traini (6): gioca tanto, difende il doppio. Chiude con 5 falli ma è l’ultimo a mollare. In attacco mostra personalità e non subisce il pressing bianconero. 6,5
Toscano: in 18’ non lascia il segno. Partita incolore, non prende neanche un tiro e in difesa non fa la differenza. 5
Cappelletti (10): subisce 6 falli e segna 8 dei 10 liberi conquistati. Dal campo fa fatica a trovare il canestro (1/6) e i compagni (5 pp e 2 ass). 5,5
Diop (11): protagonista di 2 belle giocate ma nulla di più. Soffre a rimbalzo e non riesce a sfruttare la sua fisicità. 5,5
Cassar: ne
Ianuale: ne
Alibegovic (8): subisce 6 falli e conquista 6 rimbalzi. Commette l’ingenuità in occasione del fallo tecnico e non riesce a trovare confidenza con il canestro (1/10). 5
Pinkins (21): altra grande prestazione. 7 falli subiti, 5 assist, 8 rimbalzi. Anche lui impreciso dal campo (5/14) ma sicuramente sempre più stella della Reale Mutua. 7
Marks (22): fisicità e tecnica. Manda più volte al bar l’avversario ma una leggerezza difensiva lo punisce con un gioco da 4 di Gaines. 6,5
Castellino: ne

MVP: Kruize Pinkins

Marco Piasentin

Battuta anche Scafati. Torino vola in finale. (Pagelle)

Grandissima semifinale quella del PalaLido tra Scafati e Torino. Partita punto a punto tra due squadre che, oltre ai colori sociali, condividono anche fisicità, bel gioco e tecnica. La spunta Torino che conquista quindi la finale di Supercoppa in programma oggi alle 20.15 (diretta Sportitalia e LNP Pass).
I primi punti delle Final 4 li segna Marks a cui risponde l’ex Fall con un tiro libero. 5-0 Torino e coach Griccioli già costretto al timeout dopo poco più di 3 minuti. Al rientro in campo la sostanza non cambia: la Reale Mutua continua a spingere e con Traini tocca il +10 (5-15). Una serie di antisportivi (Diop, Cappelletti e Frazier) rischia di innervosire i giocatori che però mantengono alto lo spettacolo, chiudendo un super primo quarto sul 22-27.
Nella seconda frazione si sblocca Alibegovic: 2 punti dal post seguiti dall’assist per la bomba di Toscano provano a far rifiatare Torino, ma il 5-0 personale di Rossato riporta sotto la Givova. Tripla di Pinkins (11 a metà gara) che garantisce il +6 Reale Mutua ma Frazier si accende e permette ai suoi di andare all’intervallo lungo sul -1 (38-39).
Terzo periodo aperto da Diop e Alibegovic ma Rossato sale in cattedra portando al primo vantaggio della gara Scafati e, sul -4, coach Cavina decide di fermare la partita. Torino cambia intensità e impatta sul 52-52 con la tripla del capitano. And-1 di Pinkins, tripla di Marks, risposta di Frazier e Torino sul +1 a 10” dalla fine del quarto. L’ingenuità sotto canestro di Lupuson porta gli arbitri a concedere 2 tiri liberi a Pinkins, in contemporanea alla sirena di fine periodo: 2/2 e si va all’ultimo intervallo sul 59-62.
Cappelletti e Marks accendono l’ultima frazione e costringono al timeout Scafati. 6-0 Frazier e la Givova torna sul -1 dando il via a 7 minuti al cardiopalma. Sul +1, Torino regala 3 rimbalzi offensivi a Fall e l’altro ex Tommasini infila la bomba del +2. Ancora il numero 1 in penetrazione e +4 per la squadra campana con meno di 2 minuti sul cronometro. Marks da sotto accorcia, Cappelletti fa 1/2 e Pinkins segna con la mano di Putney sulla faccia: 74-75 a 45” dal termine. Frazier subisce fallo ma segna solo uno dei due liberi a disposizione. La sua difesa troppo aggressiva su Marks, lo induce a commettere il quinto fallo personale e regalargli il decisivo viaggio in lunetta: preciso, porta avanti di 2 Torino e la confusa azione di Scafati si conclude con un nulla di fatto.

PAGELLE
Jakimovski: ne
Campani (5): tanta sostanza e fisicità. Importante il suo impatto soprattutto dopo il quarto fallo di Diop. 6
Traini (5): è l’unico a riuscire a tenere il passo di Frazier. Difende forte, taglia e muove la palla. Ancora una volta positivo. 6
Toscano (3): si vede poco. Infila una tripla, litiga con Putney e con il canestro (1/6 dal campo). 5,5
Cappelletti (11): dopo due settimane fermo ai box, torna da leader. Entra dalla panchina e fa la differenza con le sue accelerazioni. 6,5
Diop (9): l’antisportivo (dubbio) iniziale lo condiziona e lo innervosisce non permettendogli di fare la solita grande gara sotto i tabelloni. Regala spettacolo con due belle stoppate ma non trova continuità. 5,5
Cassar: ne
Ianuale: ne
Alibegovic (7): è l’obiettivo principale della difesa di Scafati che lo costringe ad un brutto 3/11 complessivo. Una difesa al top e gli 8 rimbalzi gli garantiscono il voto. 6
Pinkins (19): stella e killer. Il suo jumper porta avanti Torino a poco dalla fine e la sua prestazione TOTALE fa di lui l’MVP del match con 7 falli subiti e 6 rimbalzi all’attivo. 7
Marks (18): altra grande gara di personalità. Segna 18 punti e ha il merito di rimanere lucido dalla lunetta nel finale. 21 di valutazione grazie a 5 falli subiti, 5 rimbalzi e 4 assist. 6,5
Castellino: ne

MVP: Kruize Pinkins

Marco Piasentin

Torino alle Final Four. Battuta anche Trapani. (Pagelle)

Altra vittoria per la Reale Mutua Basket Torino in un precampionato che, al momento, si sta rivelando più che positivo. Gli uomini di coach Cavina conducono per tutto il match, staccando meritatamente il biglietto per le Final Four del PalaLido di Milano.
Sblocca il tabellino Diop, a cui risponde Spizzichini. Tripla di Alibegovic, Pinkins da 2 e ancora Diop per il primo allungo gialloblu. Altre due bombe del capitano, una del numero 16 e coach Parente è costretto a fermare la gara sul 10-20. Corbett subisce un fallo dubbio da Toscano a 3 secondi dalla fine del quarto. Segna entrambi i liberi e la preghiera proprio del numero 17 non arriva neanche al ferro, con la prima frazione che si chiude sul punteggio di 14-20.
Il secondo periodo si apre con un doppio fallo, chiamata rara, ai danni di Campani e Mollura. Sono proprio loro i protagonisti dei primi 2 canestri. Un fallo in attacco di Jakimovski da spazio alla rimonta granata con Cavina che chiama timeout al 4° sul 25-27. La musica non cambia. Dalla sospensione, il coach gialloblu non ottiene gli effetti desiderati e Trapani registra il primo vantaggio (33-32) con il canestro di Amici al 17°. 5 punti in fila di Pinkins invertono la rotta e la tripla di Alibegovic riporta Torino sul +4: 36-40, punteggio con cui si chiude il primo tempo.
Ancora Pinkins spinge la Reale Mutua. Gli risponde Spizzichini che dà il via ad un botta e risposta, triple su triple, tra le due compagini. La spunta Torino che sfrutta l’errore di Spizzichini per avviare il parziale personale di 8 punti consecutivi di Traini. Ci prova Corbett, ma una tenace difesa torinese porta all’infrazione di 24” di Trapani. Sul capovolgimento di fronte, un fallo di Mollura costringe al timeout Parente sul 50-59. Al rientro in campo, si scatena Toscano a cui fa eco Marks, per iniziare l’ultimo periodo sul 54-66.
Nel quarto quarto Toscano e Marks tagliano definitivamente le gambe ai ragazzi di coach Parente che toccano anche il -18 sul 59-77. Gli ultimi 5 minuti hanno solo un fine statistico ma seguono le chiavi principali della gara: fisicità vicino a canestro e rimbalzi. Entrambe a favore di Torino che vince la partita 73-86. I ragazzi di Cavina saranno impegnati sul parquet del PalaLido di Milano contro la vincente della sfida Scafati-Montegranaro, alle 21 di venerdì 27 settembre.

PAGELLE
Traini (9): grande solidità difensiva. Dimostra che l’altezza non è tutto se la grinta è quella giusta: 8 rimbalzi. 6,5
Toscano (10): cancella la brutta prestazione di Casale centrando la doppia cifra e difendendo come un mastino. 6,5
Pinkins (20+11): 20 punti, 11 rimbalzi e 6 assist. Giocatore completo, su tutte e due le metacampo. Unica pecca la percentuale da oltre l’arco: 1/6. 7,5
Alibegovic (14): torna a segnare e difende alla morte da vero leader. Una tripla da capogiro sulla sirena dei 24” fa impazzire la panchina. 6,5
Marks (14): meno preciso del solito al tiro (5/13). Quando c’è da fare il break, risponde presente ma non incide come le altre volte. 6
Ianuale: s.v.
Jakimovski: s.v.
Cassar: ne
Campani (4): gioca poco ma segna due canestri importanti. Viene tenuto tanto in panchina per favorire il recupero della scavigliata subita contro Cantù. 6
Diop (15+13): ancora una volta straripante sotto canestro. Vola a rimbalzo, costringe Nwohuocha ad uscire per 5 falli e si dimostra una spalla più che valida per Pinkins. 7
Reggiani: ne

MVP: Kruize Pinkins

Troppa Torino per Casale. La Reale Mutua passa al PalaFerraris. (pagelle)

La Reale Mutua rispetta i pronostici e vince agevolmente sul campo di Casale. Apre le danze Ousmane Diop: semigancio dopo un bel movimento spalle a canestro per il giocatore di origini senegalesi, che sblocca il tabellone del PalaFerraris. La Junior rimane sempre in scia ma due bombe di Pinkins provano a tagliare le gambe ai ragazzi di coach Ferrari che reggono però in un primo quarto in cui si segna pochissimo: 11-12.
Ancora Pinkins prova a far scappare i suoi ma Sims e Roberts rispondono colpo su colpo. Entra in partita Marks con un paio di canestri importanti e Diop continua a giganteggiare sotto il ferro (15+8 a metà gara). Tuttavia, gli sforzi gialloblu non vengono ripagati e, all’intervallo lungo, Torino vanta sempre solo un punto di vantaggio: 31-32.
La terza frazione dà la vera e propria svolta alla gara. Pinkins, Traini e Marks infilano 3 triple consecutive che costringono coach Ferrari a fermare la partita sul +8 Reale Mutua. Al rientro sul parquet, la musica non cambia. Marks diventa inarrestabile: 5 punti in fila e l’assist per la tripla di Alibegovic che risponde a quella di Cesana. Proprio il capitano fallisce due tiri liberi ma, sul capovolgimento di fronte, è ancora Marks a recuperare il pallone e favorire la comoda schiacciata del numero 5. Un’altra tripla del nativo di Chicago manda in archivio il terzo periodo con il punteggio di 45-58.
Nel quarto quarto torna a segnare Diop, gli fa eco Marks e, a 7 minuti dal termine, Roberts spende un fallo a centrocampo per fermare la fuga di Alibegovic: antisportivo. Parziale di 8-0 per Torino che si chiude con l’1/2 di Campani dalla lunetta. Massimo vantaggio gialloblu sul 51-68 e partita che sembra ormai ben ipotecata. Ci prova ancora Casale, soprattutto con Sims ma Pinkins con una tripla e Traini con i liberi, archiviano la pratica: 68-75.

POSSIBILI SCENARI DI QUALIFICAZIONE
Con questa vittoria la Reale Mutua aggancia in vetta Derthona, impegnata contro Biella. In caso di vittoria dei leoni, Torino può sperare nella qualificazione come migliore seconda, basandosi sulla differenza canestri delle squadre degli altri gironi. In caso di vittoria di Biella con meno di 25 punti di scarto, Torino sarebbe qualificata come prima.

PAGELLE
Marks (24): leader come al solito silenzioso. Trascina la squadra verso la vittoria con i suoi canestri ma sa quando rinunciare ad un tiro per offrirlo ad un compagno meglio posizionato. 7
Cassar: s.v.
Traini (5): fatica un po’ quando la partita diventa più fisica ma è bravo a gestirsi con 4 falli. Il 2/4 ai liberi nel finale potrebbe pesare sulla differenza canestri. 6
Jakimovski: s.v.
Alibegovic (7): fatica a trovare il canestro dalla lunga distanza (1/9) e sbaglia due tiri liberi conquistati in contropiede. Bene però sotto canestro con 7 rimbalzi catturati. 5,5
Ianuale: ne
Diop (17+11): straripante sotto il ferro. Garantisce 6 extra possessi ai suoi ed è quasi perfetto dal campo (7/9). Si eclissa un po’ nel secondo tempo, non riuscendo a dare continuità alla prestazione del primo. 7
Campani (4): fatica a trovare spazio per concludere a canestro. 4 falli lo frenano un po’ in difesa. 5,5
Mortarino: ne
Reggiani: s.v.
Pinkins (18): se Cavina cercava un lungo solido e con buona mano, lo ha trovato. 5/7 da tre e 7 rimbalzi per il numero 15, sempre più stella di questa squadra. 7
Toscano: difende aggressivo, forse troppo come testimoniano i 4 falli commessi. Non trova il canestro e lo 0/5 da 3 sporca troppo la sua prestazione. 5
MVP: DERRICK MARKS

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito